CONTRADA SANTO SPIRITO DI PASSOPISCIARO

STORIA

 

Fonte inesauribile di idée ed iniziative, personalità dinamica e dallo spirito vulcanico, il Dott. Moretti Cuseri non poteva non trovare miglior territorio per esprimersi che nell’Etna.

E nell’isola del fuoco, come la definì Dante riferendosi a questa zona vulcanica, che troviamo alcuni dei vigneti più vecchi coltivati in Italia, addirittura più che centenari ed ancora a piede franco. E qui, l’alberello arrampicato su tutto il monte con l’aiuto delle nere terrazze di pietra lavica, trova da secoli la sua ambientazione ideale.

VIGNETI

 

I 14 ettari della proprietà Contrada Santo Spirito di Passopisciaro si trovano sui 700 metri slm e sono coltivati con i vitigni autoctoni dell’Etna: Nerello Mascalese per il rosso, Carricante e Minnella per il bianco. A rendere davvero grandi le nostre uve, concorrono alcuni fattori fondamentali: i terreni di origine vulcanica, a volte ciottolosi e ghiaiosi, a volte sabbiosi o meglio cinerei, le grandi escursioni termiche, che arrivano anche a 25/30 gradi tra il giorno e la notte, la ventilazione ed infine l’età delle viti, molte pre fillosera.

VINI

 

Storia, natura e geologia abbracciano le nostre vigne, tutte disposte ad alberello e coltivate in armonia con la natura che le circonda, nel rispetto della tradizione e del territorio che le ha accolte oltre 2000 anni fa. Raccolta manuale, resa bassa per ettaro ed il marchio unico della montagna, unite alla sapienza del team specializzato, ci permettono la produzione di due tipicità indiscutibili: Animardente Etna Rosso Doc ed Animalucente Etna Bianco Doc. Vini intensi, ricchi di essenze e di aromi, di note minerali ed eteree che ricordano la cenere della lava che illumina lo scenario.